lunedì 19 settembre 2016

Polline, per una ripresa con grinta

La ripresa delle attività per i nostri bimbi dovrebbe essere un momento ricco di energia, voglia di fare, ma non sempre è così. Spesso rincominciare è faticoso e si "ingrana" lentamente. Succede soprattutto per bambini in età scolare quando l'idea di doversi sedere nuovamente sui banchi di scuola per diverse ore, di essere sottoposti a interrogazione e passare pomeriggi a studiare, non li entusiasma. Inoltre la ripresa riuguarda anche i vari impegni extrascolastici come lo sport, il catechismo o impegni che generalmente sono vissuti con gioia, ma che al momento di ricominciare diventano fonte di stanchezza mentale e fisica.
Questo si può tradurre in svogliatezza e mancanza di concentrazione, ma può succedere anche che il piccolo manifesti il disagio con  irrequietezza, nervosismo e agitazione.
Se notiamo questi segnali, inutile attendere: interveniamo immediatamente con un rimedio che ci donano i fiori e che viene raccolto dalle nostre amiche api: il polline.

Il polline, definito come uno dei "prodotti dell'alveare", in realtà non viene elaborato come la propoli o la pappa reale, rimane esattamente così com'è sul fiore; ma è sempre grazie alle api che possiamo sfruttare le sue qualità.


Le proprietà di questi piccoli "granelli di sole" sono innumerevoli : combattono l'astenia e l'affaticamento sia fisico che mentale, donano forza e vigore, tonificano l'organismo, sono antianemici grazie all'importante contenuto di ferro, ed è un antiossidante favoloso!
Il polline è un vero e proprio ricostituente, ottimo nei momenti di stanchezza che metteno alla prova grandi e piccini.
Ma non solo, il polline vanta ulteriori rilevanti qualità specifiche per i bambini: è ottimo per accompagnarli nella crescita,  soprattutto quando si manifestano ritardi o piccoli disequilibri, è utile per combattere l'inappetenza e far fronte all'eccessiva magrezza.
Inoltre grazie all'apporto di calcio è perfetto in caso di decalcificazione ossea.
Oltre ai due importanti sali minerali già citati (ferro e calcio) il polline contiene altri sali minerali fondamentali per la salute dei nostri figli quali potassio, sodio, fosforo e magnesio. E' fonte di numerose vitamine tra cui quelle del gruppo B, la C, le vitamine A, D, ed E. Non dimentichiamo che la B9 ossia l'acido folico si consiglia come supplemento in gravidanza e spesso la scelta è indirizzata verso integratori di sintesi. La C è sempre utile per rinforzare le difese immunitarie che con lo stress dovuto alla ripresa vengono messe a dura prova. E' ricco inoltre di zuccheri, proteine e grassi insaturi quali omega 3 e omega 6. Insomma un vero e proprio integratore a tutto tondo.
In commercio lo si può trovare fresco oppure essiccato. Il processo di essicazione deve avvenire sotto i 35° per far si che il polline non perda parte delle sue proprietà, l'ideale sarebbe l'acquisto di un prodotto fresco da conservare in frigorifero.
Questo integratore è da assumere al mattino per avere la spinta giusta ad affrontare la giornata, nella dose di un cucchiaino da caffè, dose adatta ai bambini.  Può essere sciolto nello yogurt, nel succo, anche nel latte, ma facendo attenzione che non siano troppo caldi perchè le alte temperature ne alterano le proprietà, esattamente come avviene per il miele. Si può prendere anche non diluito, ma non tutti gradiscono il sapore abbastanza forte e persistente.  Si continua l'assunzione per un mese intero poi si può sospendere. La dose per adulti è di un cucchiao da minestra, ma è sempre consigliabile dosare la quantità in base alle esigenze.