sabato 5 dicembre 2015

Una merenda natalizia

Sappiamo bene quanto sia difficile preparare  una colazione o una merenda sana e gustosa allo stesso tempo. Se dovessi dare un'idea su due piedi ad un adulto potrei consigliare un porridge d'avena con uvetta, frutta secca e malto d'orzo. Ma dubito che una bambina di tre o quattro anni possa farsi conquistare dal gusto di un porridge, quindi mi restano due cose da fare: passare ore al supermercato leggendo tutte le etichette delle confezioni di biscotti oppure fare dei biscottini con le mie mani.
Beh non so se voi, mamme che state leggendo questo post, avete provato a controllare gli ingredienti sulle confezioni di biscotti o di merendine, vi assicuro che è davvero difficile trovare un prodotto sano o quantomeno non dannoso alla salute dei nostri bimbi, tra quelli industriali.
L'elenco ingredienti è molto simile per tutte i tipi biscotti e merendine, indipendentemente dalla marca, dalla tipologia e dalla provenienza.
Nella lista si trova spessissimo l'olio di palma. E' lo spauracchio del momento. E' stata fatta un'insistente campagna sugli effetti indesiderati che può avere questo olio, ed i suoi derivati (olio di palmisto), sul nostro corpo in quanto grasso saturo e sono stati resi pubblici gli effetti negativi sull'ambiente dovuti agli incendi dolosi in Indonesia per fare spazio alle coltivazioni di olio di palma; nonostante la grande informazione questo grasso vegetale troneggia tra gli scaffali del supermercato.
Ma ci può andare anche peggio: quando troviamo scritto oli e grassi idrogenati, significa che gli oli vegetali solitamente di pessima qualità, sono stati  trasformati in grassi solidi con procedimenti da laboratorio , un processo molto dannoso per la salute.
Per non parlare dello zucchero raffinato, in merito al quale ho già scritto un post in precedenza, e le farine anch'esse raffinate, su cui non mi soffermerò.
Andando poi più giù nella lista si trova lo sciroppo di glucosio, una composizione di zuccheri semplici, con diverse proprietà tra le quali la conservazione del il prodotto e il miglioramento della consistenza. 
Infine si trovano i vari additivi per la lievitazione del prodotto, per colorare, per aromatizzare, per conservare e così via...tutti ovviamente sintetici, spesso indicati da E con un numero.
A questo punto mi pare ovvio che mettersi ai fornelli è sempre la scelta migliore, ma questa regola vale per qualunque preparazione, non solo per la merenda. 
Questa volta ho voluto provare una ricetta di una collega nonché cara amica, i Cookies di farro all'arancia: si tratta di biscottini con ingredienti sani, integrali e biologici, arancia, zenzero e cannella completano l'opera...cosa di meglio per il periodo natalizio! Mamme provateli, non fatevi spaventare dalle spezie, se avete bimbi piccoli, sono solo una spolverata quindi restano molto delicati e alle mie due pesti sono piaciuti un sacco!