martedì 29 settembre 2015

Lo shiatsu per il bambino

Per prima cosa vorrei spendere due parole su questa antica pratica:
E' una tecnica orientale di benessere e di prevenzione. Tramite il contatto, che avviene con tocchi e pressioni, si va a riequilibrare il Qi, cioè l'energia vitale della persona. E' un trattamento olistico: chi riceve lo shiatsu sperimenta un beneficio globale a livello fisico, emotivo e psichico.
Ricevere regolarmente un trattamento shiatsu  ha effetti benefici su tutto il nostro bioritmo (sonno-veglia, respiro, metabolismo), su tutto il corso (muscoli, articolazioni, circolazione) e sulla nostra mente (rilassamento, stress, tensioni). 
Quando il bambino è ancora nella pancia della mamma è avvolto nel liquido amniotico che esercita sulla sua pelle una pressione gradevole ed accogliente, fa si che il piccolo non si senta solo, ma percepisca la costante presenza della mamma. Ecco perchè il contatto dopo la nascita è di fondamentale importanza.
Deve essere immediato in modo che il neonato viva il distacco in maniera graduale. Deve essere prolungato nel tempo per sentirsi al sicuro e accompagnato nei primi giorni della sua vita, ma anche in tutti i passaggi della crescita. 
Abbracci e carezze sono i tocchi che spontaneamente avvengono tra genitore e bambino, portano con se amore, tenerezza e compassione. Quando il piccolo piange e mostra una sensazione di disagio lo si prende immediatamente tra le braccia per cercare di consolarlo.
Cercare il contatto è naturale. 
Il  massaggio shiatsu stabilisce una comunicazione tra mamma e figlio, dona al bambino sicurezza e calma, dona alla mamma fiducia e serenità. Per entrambi è uno scambio armonioso e di gioia.